Come Allestire un Grow Box Completo per Coltivare Indoor

CONDIVIDI SUI SOCIAL
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Come allestire grow box indoor per coltivare piante in casa
Vincenzo - Eureka Grow Shop

Vincenzo - Eureka Grow Shop

Leggi tutti gli Articoli informativi presenti nel nostro Eureka Blog, e diventa un vero coltivatore esperto!

Tutti i Post

Contenuti Post

Leggi e scopri come allestire un Grow Box completo in maniera facile, rapida ed economica. In questo articolo informativo scritto dal nostro team di esperti Eureka Grow Shop potrete finalmente imparare tutto sull’allestimento di una coltivazione indoor. A partire dall’illuminazione manuale e automatica, fino al ricircolo dell’aria per la salute delle piante ai controller di temperatura ed umidità utili per una coltivazione all’interno perfetta.

Come allestire grow box completa per Coltivazione Indoor

1. Cos’è un grow box?

Le grow box o serre per la coltivazione indoor, sono in grado di far crescere e fiorire diverse varietà di piante. All’interno puoi coltivare, peperoncini, pomodori ma anche piante aromatiche o varietà decorative come le orchidee. I vantaggi sono moltissimi per esempio una grow room, ti permetterà di coltivare in qualsiasi ambiente e con qualsiasi clima le piante ma anche di farlo in modo naturale, senza ricorrere a pesticidi. Le grow box per la coltivazione indoor sono disponibili in varie dimensioni, sono costituite da una struttura di supporto in alluminio, sono generalmente molto facili da montare e leggere in modo da poter essere spostate senza sforzo e sono ricoperte da un telo che può essere di diversi materiali. Il più comune è il telo Mylar, un tessuto speciale che riflette quanta più luce possibile nella serra. Per sfruttarle al meglio, le grow room possono essere dotate di accessori pensati per completare qualsiasi tipo di coltivazione, come luci da coltivazione o pratici sistemi di irrigazione.

2. Lampada da coltivazione e riflettore

Come sai, le piante hanno bisogno di luce per crescere, quindi scegliere le giuste luci da coltivazione indoor a basso wattaggio può aiutarti a mantenere la tua crescita vivace e sana. Quindi quanta luce è necessaria? La luce solare emette da 32.000 a 100.000 lumen, che sarà l’unità di misura del flusso luminoso; quindi, con le lampade led indoor utilizzate per la coltivazione, è necessario fornire almeno 25.000 lumen e più lux possibile per indicare le superfici illuminanti in modo che le piante non siano interessate da Influenza. Spesso è necessario combinare lampade con riflettori. Quando una luce è in funzione, produce un cono luminoso con maggiore intensità luminosa al centro del cono luminoso, che sfuma verso i bordi. Naturalmente, a seconda della distanza tra l’apparecchio e l’impianto, varierà la larghezza della superficie illuminata; inoltre, l’utilizzo di riflettori raddoppia l’intensità luminosa. Per scegliere la lampada leggete i punti successivi che riguardano l’installazione:

Lampada led per coltivare indoor
  • Le carrucole spesso vengono usate per sospendere il riflettore che vanno agganciate ad una trave metallica del box.
  • Il riflettore si deve posizionare quasi al centro del Grow Box, tenendo in considerazione che la lampada tende a produrre minor luce dalla parte del portalampade.
  • Nel caso di Lampade CFL, si deve cablare il portalampade tramite le viti che si trovano sul retro e poi si deve montare il riflettore. Infine bisogna avvitare la lampada nel riflettore.
  • In caso di Lampada HPS, si deve installare il kit luce HPS. Consigliamo di posizionare gli alimentatori e le ciabatte elettriche all’esterno della growbox o dello spazio di coltivazione indoor. 

3. Timer per l’illuminazione automatica

I timer sono utili per il controllo del fotoperiodo che sarebbe la proporzione tra ore di buio e ore di luce. La maggior parte degli strumenti usati per la coltivazione a basso wattaggio necessita un timer meccanico basic, mentre per l’accensione di lampade MH o HPS consigliamo un timer digitale o meccanico (Omnirex-T). 

Estrattore per grow box per coltivare indoor

4. Aspiratore ed Estrattore per ricircolo d’aria in grow box

Un estrattore è un dispositivo che estrae e rimuove l’aria “stantia”, cioè l’aria povera di ossigeno e ricca di elementi nocivi, essenziale per allestire un Grow Box nel migliore dei modi. Conosciuto anche come “aspiratore“, un estrattore viene utilizzato per purificare l’aria e favorire la ventilazione naturale, soprattutto in ambienti privi di finestre o troppo piccoli per una ventilazione adeguata. Inoltre, un buon estrattore può combattere l’umidità, che oltre a diffondere muffe e acari può danneggiare la salute delle piante.

L’estrattore d’aria si deve scegliere in base alle dimensioni delle Grow Box e al calore che generano le lampade, a questo punto ricordiamo che l’estrattore si deve posizionare nella parte alta del Box per aspirare l’aria che  riscaldata sale verso l’alto. Il sistema di estrazione dell’aria è molto fondamentale per la salute delle piante e per evitare il ristagno di cattivi odori.

5. Filtro a carboni attivi

Il filtro a carboni attivi si deve scegliere in base alle dimensioni di coltivazione che usiamo e alle condizioni ambientali all’esterno. Essi si montano sul circuito di estrazione dell’aria. Hanno un ruolo molto importante perché eliminano gli odori, cioè abbattono il 100% degli odori e inoltre vanno installati alla fine di un Kit di Aspirazione Anti Odori.

6. Carrucole di sospensione per lampada da coltivazione

Con questi dispositivi che vi diremo prossimamente si devono posizionare le lampade all’altezza ottimale rapidamente e sicuro evitando i rischi dei sistemi fatti in casa: Rope Ratchet o Easy Roller che sono sistemi di regolazione dell’altezza della lampada.

Ventilatore per piante, allestire grow box con ventilazione

7. Ventilatore per piante indoor

Il ventilatore serve oltre a eliminare le sacche di umidità, apporta CO2 tramite il movimento dell’aria che previene muffe e parassiti, in più rafforza i fusti delle piante che reagiscono all’oscillazione. Se si coltiva in un grow box ci sono i ventilatori a pinza normale oppure i ventilatori a pinza oscillante. Ricordiamo che il ventilatore non deve mai essere puntato direttamente alla pianta ma deve ruotare continuamente o nel peggiore dei casi deve inviare l’aria contro una parete. I meccanismi di rotazione dei ventilatori sono delicati ed è meglio scegliere modelli robusti che si possono temporizzare con le lampade oppure quelli automatici.

8. Termo igrometro digitale per temperatura e umidità

Un termoigrometro è uno strumento fondamentale per misurare la temperatura e l’umidità relativa dell’aria, che è il rapporto tra l’umidità assoluta (il vapore acqueo presente nell’ambiente in un dato momento) e l’umidità satura, che è tutto il vapore acqueo che può essere assorbito da un dato ambiente ad una certa temperatura e pressione. Questo strumento non può mai mancare all’appello quando si parla di allestire un Grow Box nel migliore e più sicuro dei modi!

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento